Io e le donne della mia famiglia ed intendo mia madre, le mie cugine e zie fino a risalire a nonna e bisnonna, siamo soggette ad attacchi di Ripulisti, detto all’inglese Declutter.

Non è tendenza maniacale all’ordine ma piuttosto dei momenti, che arrivano spesso all’improvviso, in cui siamo prese da voglia incontenibile di liberarci dal superfluo che pian piano si accumula nel quotidiano.

Non essendo miei parenti, magari questi raptus non vi colgono eppure sentite che è arrivato il momento di sistemare il caos che vi circonda, procurandovi ansia, ma non sapete da dove iniziare. La buona notizia è che esistono alcune regole di base che vi faranno avere successo nella Missione Ripulisti.

  1. Le tre scatole magiche: del tenere, del donare e dell’eliminare

Per ogni stanza della casa che intendete sistemare, procuratevi 3 scatole ciascuna con uno scopo preciso: contenere cose da tenere, eliminare o donare. Nel caso vi serva, a queste tre basilari potreste aggiungerne un’altra per gli oggetti che avete preso in prestito e sono da restituire. Tenete a disposizione scatole di scorta da cominciare a riempire una volta che le prime “da donare” ed “eliminare” saranno ricolme.

  1. Il puzzle

Quando le case dei miei clienti sono appesantite, propongo loro di iniziare da una piccola zona della casa, come ad esempio il cassetto delle cianfrusaglie (non fate quella faccia, in tutte le case esiste quel cassetto). Serve a non sentirsi sopraffatti dal caos ma piuttosto ad avere subito delle piccole ed immediate soddisfazioni che ci caricano per andare avanti. Allo stesso modo, non pensate di sistemare una stanza in un colpo solo ma suddividetela in tante piccole aree da affrontare una alla volta: come un puzzle che via via che si completa e vi fa sentire soddisfatti del lavoro svolto.

  1. Liberate il Velociraptor dormiente in voi

Siate veloci e spietati. Si, la pecorella fatta alla scuola materna per Pasqua da vostro figlio è davvero tenera e carina, ma ora lui va all’università magari può darvi altre soddisfazioni, che dite? Ogni decisione deve essere veloce e basata sul primo istinto. Se questo vi dice che quell’oggetto non vi serve o non vi dà nessuna sensazione positiva infilatelo subito nella scatola delle cose da donare o da eliminare.

  1. Toccate l’oggetto una sola volta

Durante la selezione iniziale, quando state decidendo a quale scatola affidare i vostri oggetti, prendete in mano ogni oggetto solo una volta. Non esiste la scatola “devo pensarci un attimo” oppure presto tutto diventerà parte di quella scatola e fallirete. Una volta preso in mano un oggetto, decidete e passate oltre.

  1. Applicate la regola dell’anno

Se nella vostra casa c’è qualcosa che non usate da un anno, o più, questo oggetto deve andarsene. Non parlo degli oggetti che si usano davvero una volta sola all’anno, banalmente l’albero di natale, ma del tagliaravioli che avete comprato presi dal sacrofuoco di Masterchef, prima stagione. Guardiamoci in faccia, se non lo avete usato fino ad ora non lo farete mai. Donatelo ad un amico che davvero ama cucinare e magari riceverete anche un invito a cena!

  1. Date una seconda occhiata alla vostra scatola degli oggetti da tenere

Una volta terminato di sistemare un’area tornate alla vostra scatola del “tenere” e siate realisti. Potreste aver messo in quella scatola oggetti che non necessitate davvero. Fate ancora uno sforzo ed eliminate un buon 25% di quello che trovate lì dentro per non sentire nuovamente a breve l’esigenza di liberarvi da oggetti inutili.

Il vostro primo ripulisti potrebbe sembrarvi stancante, probabilmente lo sarà, ma con queste piccole regole andrà meglio del previsto.  Pronti con le scatole? Aspetto di sapere quale regola vi è stata più utile.